Villa Palagonia (Bagheria)

Villa Palagonia meglio conosciuta come la Villa dei Mostri, è uno dei monumenti siciliani barocchi più conosciuti a livello nazionale e internazionale. La villa fu fatta costruire nel 1715 da Francesco Ferdinando Gravina, principe di Palagonia. Per la progettazione fu incaricato il frate domenicano Tommaso Maria Napoli, architetto coadiuvatore del Senato di Palermo, con la collaborazione di un altro grande e stimato architetto siciliano, Agatino Daidone. Tommaso Maria Napoli ebbe il merito di conferire alla villa uno straordinario disegno planimetrico unitario, con tutti gli elementi che si sviluppano e agiscono coordinatamente rispetto all’asse baricentrico del viale.
Morto il fondatore nel 1737 gli succedette il figlio Ignazio Sebastiano che morì nel 1746. Fu il figlio di questi, Francesco Ferdinando II, a iniziare i lavori per la realizzazione dei corpi bassi che circondano la villa e a ideare le numerose statue grottesche ed il bizzarro arredamento della villa. Ad Henry Swinburne che nel 1777 chiese al principe notizie sull’originale iconografia dei mostri, egli rispose: ”In Egitto, secondo Diodoro Siculo, l’azione dei raggi solari sul limo del Nilo è talmente potente da far scovare ogni sorta di animale”.
Nasce da questa convinzione, probabilmente, la villa dei mostri, chiamata così per le particolari decorazioni che adornano i muri esterni dei corpi bassi, formate da statue in “pietra tufacea d’Aspra”, raffiguranti animali fantastici, figure antropomorfe, statue di dame e cavalieri, gnomi, centauri, draghi, suonatori di curiosi strumenti, figure mitologiche e mostri di tutti i tipi e tempi. Inizialmente le statue erano più di 200, mentre oggi ne restano appena 62, molte delle quali in cattivo stato di conservazione, annerite dallo smog e sbriciolate dagli anni.
La tradizione vuole, inoltre, che il principe di Palagonia fosse brutto e deforme e quindi, quasi per vendicarsi del suo avverso destino, volle ridicolizzare attraverso una serie di caricature amici e conoscenti che lo circondavano e che partecipavano ai tanti ricevimenti che egli era solito tenere nel suo palazzo. Anche l’arredamento dei saloni era alquanto bizzarro: i piedi di alcune sedie erano segati in maniera disuguale così che rimanessero zoppe, mentre altre erano talmente inclinate in avanti che bisognava fare molti sforzi per non scivolare e cadere. Sotto i velluti delle sedie spesso erano stati nascosti spilli e spuntoni.
(testo tratto da http://www.guidasicilia.it/ita/main/rubriche/index.jsp?IDRubrica=1193)

Fotografie e montaggio di Salvatore Clemente (http://salvatoreclemente.blogspot.it/)

Brano musicale di J.S. Bach

Annunci
Standard

Lecce è un comune italiano di 89.950 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia in Puglia. Situata in posizione pressoché centrale della penisola salentina, è comune capofila di un’area vasta di circa 425.000 abitanti, comprendente 31 comuni della parte settentrionale della provincia. Lecce è il capoluogo di provincia più orientale d’Italia.
Città d’arte del Meridione Italiano, è nota come “la Firenze del Sud” o la “Firenze del Barocco”: le antichissime origini messapiche e i resti archeologici della dominazione romana si mescolano infatti alla ricchezza e all’esuberanza del barocco, tipicamente seicentesco, delle chiese e dei palazzi del centro. Lo sviluppo architettonico e l’arricchimento decorativo delle facciate è stato particolarmente fecondo durante il Regno di Napoli ed ha caratterizzato la città in modo talmente originale da dar luogo alla definizione di barocco leccese.
È il capoluogo e il maggiore centro culturale del Salento; è sede dell’omonima arcidiocesi metropolita e dell’Università del Salento. Nella città è presente l’Istituto superiore universitario di formazione interdisciplinare, scuola superiore universitaria italiana dell’Università del Salento affiliata con la Scuola Normale Superiore di Pisa.
(fonte:http://it.wikipedia.org/wiki/Lecce)

Fotografie e montaggio: Salvatore Clemente (http://salvatoreclemente.blogspot.it/)

Brano Musicale: Pizzica – Musica tradizionale salentina Pizzica tarantata (strumentale, raccolta da Ernesto de Martino, L. Stifani violino, S. Marzo tamburello, L. Zizzari organetto)
</